UDI Ferrara‎ > ‎

Appuntamenti e Iniziative


In collaborazione con UDI e Centro Donna Giustizia Ferrara
Con il patrocinio di Comune di Ferrara - Assessorato alle Pari Opportunità

DOPPIO TAGLIO

come i media raccontano la violenza contro le donne

con Marina Senesi
da una ricerca di Cristina Gamberi
adattamento Marina Senesi
voci fuori campo Filippo Solibello e Marco Ardemagni regia Lucia Vasini
musiche originali Tanita Tikaram
luci Arnaldo Ruota
responsabile di produzione Alessandra Greco collaborazione al progetto Simonetta Favari produzione Art Up Art
con il patrocinio di Rai - Pari Opportunità

Uno spettacolo che affronta la tematica della violenza contro le donne con uno sguardo trasversale. Non il racconto della vittima, né quello di un testimone, tanto meno del carnefice, ma la rivelazione di alcuni curiosi meccanismi innescati dai media, che distorcono la nostra percezione dei fatti e trasformano anche la più sincera condanna in un’arma - appunto - a doppio taglio.

L’idea di Doppio taglio nasce dall’incontro tra Marina Senesi, attrice e autrice che si è sempre distinta per la capacità di fondere la forza dell’impegno e il gioco dell’ironia, e Cristina Gamberi, ricercatrice universitaria, autrice di uno studio che decostruisce l’impianto lessicale e iconografico degli articoli dei media per interpretare il taglio comunicativo adottato nel descrivere l’uccisione di una donna per mano del suo uomo. La forza di questa proposta ha convinto altri artisti: la regista Lucia Vasini, i conduttori di Caterpillar AM Filippo Solibello e Marco Ardemagni, e la cantautrice Tanita Tikaram, che ha regalato allo spettacolo l’inedito My Enemy.

Con il susseguirsi di immagini che scorrono parallele al racconto, scopriremo che la cronaca raramente si sottrae, anche oggi, a una tradizione letteraria volta ad alleggerire la responsabilità dell’aggressore, se la donna ha varcato i confini imposti al suo genere. Ci accorgeremo che - al di là delle buone intenzioni di chi scrive e di chi legge - l’uomo viene spesso rappresentato come un’ombra o attraverso una parte del corpo, mentre la vittima è esposta e ritratta come inerte, inerme, isolata e con i segni di una sessualità subita che la macchia indelebilmente.

Una donna che si vede socialmente rappresentata così, è incentivata alla denuncia? Perché mai dovrebbe fidarsi, se sa che noi non stiamo dalla sua parte? Se, come nella maggior parte dei casi, l’immagine proposta dai media ritrae la vittima in soggettiva, cioè come se l’aggressore fosse di fronte a lei, noi lettori, comprese noi donne che ci dichiariamo impegnate e sensibili, che altro stiamo facendo se non guardare la vittima dalla stessa visuale del suo aggressore?

ingresso

€ 10,00 non soci (inclusa tessera associativa) € 8,00 soci Ferrara Off 2015
€ 5,00 ridotto soci under 20

FERRARA OFF TEATRO viale Alfonso I d’Este 13 Ferrara
www.ferraraoff.it info@ferraraoff.it +39.392.8220835

disponibile anche presso la nostra sede la prevendita dei biglietti






DOMENICA 5 ottobre  2014 dalle ore 17,00

Casa del Popolo SerenellaMizzana (Fe)

via Modena 251

 2015 1945 70 anni di UDI

Storie di oggi, storia di ieri

Incontro conviviale con aperitivo

 Con il Calendario UDI 2015 giovani donne ripercorrono una storia  di conquiste, di  emancipazione, di  libertà, di  cittadinanza, di  autodeterminazione, delle donne italiane

 Proiezioni

 Letture di

Martina Pirani

  Paola Boldrini


https://350a0789-a-62cb3a1a-s-sites.googlegroups.com/site/udiferrara/home/Volantino%20codigoro.jpg?attachauth=ANoY7coqnk-28TnTGExogxDA23zGMa-xMxEa4rwc-Q_-fGu4Bq51wBHoZhAc2ZgNXeC0W-Wh0nLALhS1ndM0kWassMPzHUNLufpQbNJptbamV04en6-trZxbHDXxX7sV3kOc4mGxHvYO31kqWrqdZ2xO7INQhDiA265GLTcxS4-pLNli7P5REf1b5n3NMonjZTN4Px3JEZML4N8IpxEfrgrIGKj3nxrHee4bo0jqc31lEMLqtgvPXB0%3D&attredirects=0





Anche quest'anno UDI e Centro Donna Giustizia sostengono OBR (One Billion Rising), la campagna mondiale contro la violenza sulle donne ideata da Eve Ensler (autrice de "I monologhi della vagina"). Le statistiche ci dicono che una donna su tre nel mondo sarà picchiata o violentata nel corso della sua vita, l'equivalente di oltre un miliardo di donne e ragazze. “Un miliardo di donne violate è un’atrocità” sostiene Ensler, “ma un miliardo di donne che ballano è una rivoluzione". L'anno scorso abbiamo ballato insieme in piazza Municipale.
 
Anche quest'anno vogliamo esserci, come parte di quel miliardo di donne e uomini che dicono basta alla violenza.
Quest'anno il tema di OBR è la GIUSTIZIA. Invitiamo tutte e tutti a partecipare venerdì 14 febbraio in piazza Savonarola.


Leggi e scarica il REPORT dell'UDI Ferrara 2013



CLICCA QUI


25 gennaio 2014 Assemblea Provinciale UDI
Le Donne nei Media
Sala Conferenze- Ristorante L’Archibugio- via Darsena 24/26

Il Secolo delle Donne e della Comunicazione



25 gennaio Assemblea Provinciale UDI




















Cittadinanza femminile plurale
 Gli archivi UDI per una storia del welfare in Emilia Romagna

Lunedì 21 ottobre dalle 15.00 alle 18.30

presso la Sala di Enea della Soprintendenza Archivistica dell’Emilia Romagna

Strada Maggiore 51 – Bologna


Evento parte del progetto “Dentro le Mura”, realizzato nell’ambito di “Creatività Giovanile”, promosso e sostenuto dal Dipartimento della Gioventù – Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall’ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani





Premio Immagini Amiche
La Risoluzione del Parlamento Europeo votata il 3 settembre 2008 sull'impatto del marketing e della pubblicità sulla parità fra donne e uomini ha ispirato l'istituzione del Premio Immagini Amiche, un concorso finalizzato a valorizzare una comunicazione che, al di là degli stereotipi, sia in grado di veicolare messaggi positivi e socialmente responsabili.
Il premio è suddiviso in cinque sezioni: pubblicità televisiva, pubblicità stampata, affissioni, programmi televisivi e web. Le segnalazioni per una immagine pubblicitaria, uno spot, un sito web o una trasmissione televisiva “non lesive dell'immagine della donna"


Invia la tua segnalazione di Pubblicità Amica al seguente link:

http://www.premioimmaginiamiche.it/


One Bilion Rising - 14 Novembre 2013






Quando l'Arte interpreta la Violenza
Mostra Concorso

25 Novembre 2012

12 classi dalle scuole superiori di Ferrara hanno realizzato elaborati con diverse tecniche, lavorando in gruppo o singolarmente. Inoltre il Conservatorio di musica ha creato appositamente per la giornata mondiale contro la violenza, un brano musicale eseguito da 20 giovani musicisti, diretti dal Maestro compositore Pino Cimino in apertura della seduta congiunta del Comune e Provincia di Ferrara, il 23 novembre.

Nello stesso momento gli elaborati degli studenti sono stati esposti nel Salone d’Onore del Comune, rimasti fino al 6 dicembre.
Continua a leggere...

"Quando l'arte interpreta la violenza" - mostra in Consiglio Comunale, Ferrara, 23 novembre 2012


Cosa bolle in pentola
Tre incontri per una lettura di genere della crisi
O
Ottobre - Dicembre 2012



Cosa Bolle in Pentola








udiNotizie agosto 2012
https://docs.google.com/document/d/10nsO3eV0-b4frcmczI3SaiuIf2bTO_X7hHM3qgI4oyc/edit



“Cittadinanza femminile plurale.
Gli archivi UDI per una storia del welfare in Emilia Romagna

Lunedì 21 ottobre dalle 15.00 alle 18.30

presso la Sala di Enea della Soprintendenza Archivistica dell’Emilia Romagna

Strada Maggiore 51 – Bologna

Il seminario, ospitato alla X edizione della Festa internazionale della Storia (Bologna, 19-26 ottobre 2013), conclude il progetto “Welfare in Emilia Romagna: una storia di donne. Gli archivi dell’UDI raccontano”, realizzato dalla Rete archivi dell’UDI Emilia Romagna con il Centro documentazione donna di Modena e finanziato dalla Regione Emilia-Romagna e con la collaborazione della Soprintendenza Archivistica per l’Emilia Romagna.

Il seminario illustrerà i risultati di un’indagine svolta negli archivi dell’UDI di Bologna, Ferrara, Forlì, Modena, Ravenna e Reggio Emilia, che rappresentano uno dei complessi documentali più rilevanti per la storia delle donne in regione, per il periodo 1945-1982.

La ricerca è stata incentrata sul tema del welfare: come viene declinato nella politica dell’associazione che ha contribuito a realizzare un sistema di servizi di eccellenza? In che modo questo emerge dagli archivi e dai loro inventari, accesso privilegiato alla documentazione?

Asili nido, scuole materne e doposcuola, consultori e servizi sanitari attenti alla salute riproduttiva delle donne, vengono rivendicati (e talvolta realizzati) in anticipo rispetto alle politiche istituzionali. Attraverso la richiesta di servizi che garantissero la piena cittadinanza per il genere femminile, in realtà le donne dell’UDI hanno permesso un miglioramento della vita per tutti.

In un momento, come quello attuale, in cui il welfare accusa un sensibile ridimensionamento e le donne tornano ad essere sempre più il punto sofferente di caduta di un sistema in crescente difficoltà, ripartire dall’indagine storica per proporre una riflessione sui temi dello Stato sociale è un’azione di recupero della memoria, di una cultura e di un’identità utili a progettare il futuro.

Si è ritenuto importante condividere i risultati del progetto – che auspichiamo possa proseguire con step di approfondimento successivi – con chi, in questa regione ma non solo, ha a cuore i temi dell’identità culturale, della conservazione e degli strumenti di accesso alle fonti per la storia delle dell’Emilia-Romagna.

Il seminario prevede i saluti dell’Assessore alla Cultura della Regione Emilia Romagna Massimo Mezzetti, l’introduzione di Micaela Gavioli per la Rete Archivi UDI Emilia Romagna ed interventi di Eloisa Betti (Università di Bologna e Archivio UDI Bologna), Elisa Giovannetti (Archivio UDI Bologna e Forlì), Vittorina Maestroni (Centro documentazione donna di Modena), Maria Lucia Xerri (Soprintendenza Archivistica dell’Emilia Romagna), Mirella Maria Plazzi (IBACN Emilia Romagna); concluderà i lavori Linda Giuva (Università La Sapienza e Archivio centrale UDI).


“Le nuove frontiere dell’autoimpiego:

donne, hobby e internet”

In seguito agli incontri di sensibilizzazione e informazione che l’UDI di Ferrara e altri soggetti attivi sul territorio hanno realizzato recentemente sui temi che riguardano l’occupazione femminile in Italia, ha preso forma nell’UDI l’idea di organizzare una giornata informativa che si svolgerà venerdì 6 Settembre 2013 a Ferrara presso la Sala della Musica in via Boccalone 19.

Questa giornata comprenderà varie attività tra interventi, esposizione di prodotti artigianali, testimonianze, ecc. L’idea principale è quella di raccontare ad un pubblico sempre più vasto e sensibile alle dinamiche della nuova economia mondiale, la storia di migliaia di donne in Italia, che grazie alle loro capacità artigianali e all’utilizzo di Internet, realizzano prodotti di alta qualità e li vendono in tutto il mondo, contribuendo alla creazione di un nuovo “Made in Italy” che ora diventa “Handmade in Italy”.

L’intento di questa giornata è quindi far comprendere al pubblico italiano l’importanza e il potenziale che il web ha oggi giorno, non solo in termini di informazione, ma soprattutto, in termini di possibilità per lo sviluppo di una piccola attività commerciale.

Questo evento è aperto inoltre a tutte le donne che producono manufatti artistici/artigianali e che vorrebbero avere più informazioni su come vendere le proprie creazioni sul mercato online globale.

Siamo convinte che accrescere l’autonomia finanziaria delle donne significa contribuire a contrastare ogni forma di discriminazione, a cominciare dalla violenza.


La Segreteria UDI Ferrara

Per informazioni contattare presso UDI Ferrara

Marina Bancheva o Micaela Gavioli

E-mail: udi@udiferrara.it - Telefono: 0532/206233




UDI Ferrara e Centro Donna Giustinia invitano

Un patto tra donne contro la violenza di genere
:

Presentazione di No More Convenzione contro la violenza maschile sulle donne - feminicidio


Mercoledì, 14 novembre 2012, Ore 17,00 presso Cafè della Paix, (p.tta Corelli)

     Donne, Associazioni di donne, Donne della stampa, Donne delle istituzioni
     
     Lettera d'Invito   
       Programma:

Alla ricerca della giustizia: Marta Trocarico di UDI Bologna, Avvocata
Ne parlano:
Grazia dell'Oste, responsabile UDI Nazionale
Stefania Guglielmi, UDI Ferrara
Paola Castagnotto, CDG
Coordina: Liviana Zagagnoni
Segue: cena (su prenotazione),
per informazione UDI Ferrara : +39 0532206233

                                                                           

Cosa bolle in pentola
Tre incontri per una lettura di genere della crisi


Il ciclo di incontri che promuoviamo dal prossimo 18 ottobre prende le mosse da riflessioni di alcune donne della CGIL dell'UDI sulle caratteristiche e conseguenze della crisi economica che da quattro anni affligge una delle aree più sviluppate del pianeta. Non sono molti i luoghi nei quali si guarda e analizza la crisi da un punto di vista di genere, ma noi invece abbiamo assunto questo taglio cercando di mettere in evidenza nei nostri approfondimenti come e quanto diseguaglianze, precarietà, identificazione sociale, discriminazioni ed anche la violenza siano sessuate e abbiano connotati e ricadute differenti su uomini e donne e sulle loro rappresentazioni sociali.
Nelle iniziative apriremo un confronto pubblico sulle urgenze individuate con il supporto di alcune esperte. Dalle nostre riflessioni abbiamo ricavato spunti, idee e proposte che intendiamo rivolgere a chi si misura quotidianamente con queste problematiche.

Programma

Giovedì 18 ottobre ore 16.00 - Palazzo Bonacossi Ferrara
Mai vista un'evoluzione del genere
Diseguaglianze - Differenza tra crescita e sviluppo
Interviene Chiara Saraceno - Sociologa

Venerdì 16 novembre ore 16.00 - Palazzo Bonacossi Ferrara
Riformate!
Mercato del lavoro e lavori delle donne
Interviene Linda Sabbadini - Direttrice centrale ISTAT

Mercoledì 12 dicembre ore 16.00 - Sala della Musica Ferrara
Giù la maschera...
Discriminazioni e violenza sulle donne
Intervengono Giovanna Fava e Antonella Gavaudan - Avvocate

Cosa bolle in Pentola. Alice Previati, ottobre 2012




Comments